Diritto venatorio, armi e caccia

SLM fornisce consulenza ed assistenza al cliente in tutte le situazioni nelle quali siano contestati comportamenti o circostanze che possano comportare l’applicazione delle sanzioni previste dalla legislazione venatoria provinciale e nazionale. L’assistenza e l’attività difensiva sono anche tese ad evitare o ridurre al minimo le sospensioni del permesso annuale di caccia, nonché eventuali ripercussioni negative sul porto d’arma.

L'assistenza legale si articola nelle seguenti principali attività:

  • opposizione al verbale di contestazione;
  • opposizione all’ordinanza ingiunzione;
  • opposizione alla sanzione accessoria della sospensione del permesso di caccia;
  • assistenza e difesa nei procedimenti amministrativi volti alla sospensione o alla revoca del porto d’arma;
  • assistenza e difesa nei procedimenti penali per reati venatori o comunque per reati connessi con l’esercizio della caccia e/o con l’utilizzo e detenzione di armi.


Responsabile Dipartimento: avv. Ettore Bertò

L'avv. Bertò è autore di numerosi articoli su problematiche legali connesse a Diritto venatorio, armi e caccia pubblicati su riviste di settore:

- Quante munizioni è consentito inserire nel caricatore dell'arma rigata? Leggi »
- Denuncia di abbattimento non veritiera: configurabilità del reato di falso? Leggi »
- La custodia delle armi. Leggi »
- È configurabile il reato di “danneggiamento aggravato” in ipotesi di taglio di piante in prossimità dell’appostamento di caccia? Leggi »
- Duro monito per i bracconieri: storica decisione in favore dell’ACT quale Ente Gestore. Leggi »
- Licenza di porto fucile. Leggi »